Dott. Baranello
Articoli dell'Autore
Pagina Dott. Baranello

Lezioni di Psicologia Generale (rubrica)

indice lezioni

altre rubriche


Psicologia: una Risorsa per la SAlute


Marco Baranello

Apprendimento: Il condizionamento rispondente (o classico)
psicologia generale sperimentale - il paradigma del condizionamento classico di Pavlov

Il condizionamento classico o condizionamento rispondente, fu elaborato da Pavlov, premio Nobel nel 1904, attraverso sperimentazioni con cani.
In breve, il ricercatore russo si accorse che i cani presentavano un aumento di salivazione senza la presenza di cibo, quando si creavano delle condizioni tipiche che anticipavano l'arrivo del nutrimento.
Egli provò quindi a definire una situazione di laboratorio per studiare tale fenomeno.
 
Quando ad un cane viene presentato del cibo, questi ha una riflesso automatico di aumento della salivazione. Il cibo viene definito "stimolo incondizionato" in quanto è in grado di provocare una risposta automatica ovvero un "riflesso (o reazione) incondizionato".
 
Nella sperimentazione di Pavlov, ai cani veniva presentato uno stimolo neutro artificiale (ad esempio un campanello oppure una luce), ovvero un stimolo non in grado di produrre di per sé un aumento della salivazione. Successivamente alla presentazione di tale stimolo veniva presentato il cibo (stimolo incondizionato).
 
Dopo un certo numero di sequenze "stimolo neutro" - "stimolo incondizionato" (cibo) si verificò nei cani un aumento di salivazione alla sola presentazione dello stimolo neutro. Tale stimolo venne definito "stimolo condizionato" e la risposta da esso provocata "riflesso condizionato" o "reazione condizionata".

video esplicativo

Nella condizione di laboratorio elaborata da Pavlov, si è visto quindi che due stimoli contigui producono un fenomeno associativo attraverso cui uno stimolo prima neutro (ovvero non in grado di produrre la risposta automatica prodotta dallo stimolo adeguato)  può produrre gli stessi effetti di uno stimolo incondizionato. Il fenomeno per il quale uno stimolo neutro diventa "condizionato" ovvero è in grado da solo di produrre quella che abbiamo definito una "reazione condizionata" è definito acquisizione.
 
Un altro importante fenomeno emerso attraverso tali osservazioni di laboratorio, è quello della generalizzazione dello stimolo, per il quale stimoli simili per alcune costanti ma non identici allo stimolo condizionato possono produrre lo stesso effetto di quest'ultimo. Le somiglianze tra gli stimoli possono essere di tipo fisico, misurabile, e allora si parla di generalizzazione primaria oppure soggettive o legate a differenze individuali ovvero con similitudini simboliche; in quest'ultimo caso ci si riferisce ad una generalizzazione secondaria.
 
Sempre in una situazione sperimentale si è visto come sia possibile l'estinzione del comportamento appreso (riflesso condizionato) dopo un certo numero di presentazioni dello stimolo condizionato non associato alla presentazione di cibo.
Quando però, dopo l'estinzione, si ripresenta il nesso associativo tra lo stimolo condizionato e lo stimolo incondizionato, l'acquisizione della reazione condizionata (salivazione nel nostro esempio) è molto più rapida rispetto alla prima volta. Si parla quindi di riacquisizione. Tale fenomeno dimostra come l'estinzione sia un processo attivo, in grado di inibire la risposta appresa e non di eliminarla.

Il paradigma teorico del condizionamento rispondente (o classico) e lo schema Stimolo-Risposta (S-R) nasce da studi di laboratorio. I fenomeni studiati emergono, più complessi, in tutti i contesti ambientali. Pavlov distingue quindi i "riflessi condizionati" in riflessi (o reazioni) acquisiti, cioè legati ad un addestramento specifico dai riflessi naturali la cui acquisizione è spontanea ed avviene in contesti meno strutturati.

Dott. Marco Baranello

Baranello, M. (2002)
Psicologia Sperimentale: l'apprendimento. Il condizionamento rispondente.
SRM Psicologia Rivista (www.psyreview.org).
Roma, 16 maggio 2002.


 

Psyreview.org - Psychological Sciences Review | tutti i diritti riservai | all rights reserved
VIETATE LA COPIA E LA DISTRIBUZIONI ANCHE PARZIALI IN ASSENZA DI AUTORIZZAZIONE
1999-2020

 rivista aperiodica gruppo SRM Psicologia dal 1999
articoli e pubblicazioni scientifiche in tema di psicologia clinica, psicologia emotocognitiva, psicopatologia, psicologia età evolutiva, neuroscienze e scienze affini